Wahl All-Metal

From FountainPen
(Redirected from Wahl Metal Pen)
Jump to navigation Jump to search
Una Wahl All Metal Pen, nel pattern Console

Storia

Motivo Anni
Plain 1921-1922[1]
Check 1922-1929[2]
Dart 1922-1927[3]
Colonial 1921-1927[4]
Unique 1921[5]
Checkerboard 1924-1926[6]
Ribbon 1921[7]
Grecian' 1921-1929[8]
Zigzag 1921-1924[9]
Chancellor 1924[10]
Hand Engraved 1924-1928[11]
Ripple 1922-1925[12]
Wave 1924-1926[13]
Hanlin 1924-1925[14]
Diamond 1924-1925[15]
Ring Colonial 1928
Colonnade 1928
Console 1928
Wedgewood 1927
New Lakeside 1928
Niagara 1927

Nel 1921, poco dopo l'acquisizione della Boston Fountain Pen Company, la Wahl Eversharp introdusse una serie di nuove penne, realizzate totalmente in metallo, da abbinare alle matite meccaniche che allora costituivano il prodotto principale dell'azienda. Le nuove penne vennero chiamate, come per il resto della produzione del tempo, semplicemente Wahl Pen, anche se in alcune pubblicità (come ad esempio questa) venivano indicate come Wahl Metal Pen, che è il nome adottato per questa pagina. Ma si tratta semplicemente di una descrizione, dato che le si trovano anche denominate come "Wahl All Metal Pen", o "Wahl All Metal Fountain Pen" e che nei listini sono classificate come All-Metal Barrel Pens . Si è scelto come principale (arbitrariamente) il nome Wahl All-Metal facendo riferimento ai listini, ma non è una scelta che abbia specifici motivi di preferenza rispetto ad altre.

Queste penne non sono da confondersi con una produzione precedente di penne rivestite, denominate dall'azienda Wahl Mounted Pens che riportano lavorazioni analoghe delle incisioni con nomi corrispondenti, e che compaiono nei cataloghi dal 1919 al 1922. In tal caso infatti si tratta di penne di ebanite su cui veniva applicata una copertura in metallo, dotate della usuale clip a rotellina presente anche sulle precedenti Tempoint. Queste sono in genere riconoscibili per la presenza del corpo interno, e venivano numerate diversamente.

Le nuove penne vennero prodotte in una larga varietà di modelli, caratterizzati da diverse lavorazioni ed in particolare dal disegno riportato sul metallo, il cosiddetto pattern. Quest'ultimo veniva realizzato tramite una apposita macchina di incisione, con una lavorazione chiamata dell'azienda Engine turned, cosa che porta all'ulteriore nome di Wahl Engine Turned che oggi viene spesso usato dai collezionisti per indicare in maniera generica tutti questi particolari modelli, fra cui comunque sono anche presenti modelli in cui la decorazione era incisa a mano, qualificati come Hand Engraved presente solo per le versioni di lusso in metalli preziosi.

Stampigliatura PAT. APPL'D FOR

Per le nuove penne l'azienda aveva richiesto un brevetto (nº US-1562267, ma c'è un precedente brevetto di Keeran del 1919, nº US-1301057), basato sulla loro caratteristica di essere realizzate completamente in metallo. Fino al 1923 le penne recavano una stampigliatura PAT. APPL'D FOR, in seguito dismessa. Fino al 1926 la pubblicità rimase centrata sulle matite meccaniche, a cui venivano affiancate le nuove penne (si parlava appunto di Eversharp matched by Wahl Pen); solo dal 1927 si iniziò a parlare di Wahl - Eversharp Pens and Pencils.

La Eversharp infatti aveva una grande esperienza nella produzione e lavorazione di matite meccaniche in metallo, che mise a frutto anche nella produzione di queste nuove penne stilografiche che venivano promosse nei confronti delle concorrenti in ebanite per la loro maggiore robustezza, resistenza all'usura, e capacità di inchiostro. Le penne erano in effetti innovative, perché fino ad allora infatti il metallo veniva utilizzato solo come rivestimento, nelle cosiddette overlay.

Le penne sono state prodotte con diversi motivi decorativi, i cui nomi ancora oggi sono usati spesso per identificarle, che sono stati introdotti o dismessi dalla produzione nel corso degli anni, analizzando cataloghi e pubblicità si è ricostruito per ciascuno di essi un intervallo approssimativo degli anni in cui sono rimasti in produzione, riassunto nella tabella a fianco. La produzione di queste penne venne mantenuta all'incirca fino al 1929.

Caratteristiche tecniche

Pubblicità del 1927, in cui viene mostrato un set di Wahl Engine Turned nel pattern Grecian Border.

La principale caratteristica tecnica, e l'innovazione introdotta dalle Wahl Engine Turned, è stata la loro realizzazione in metallo, con una costruzione coperta in vari aspetti da diversi brevetti (nº US-1301057, nº US-1562267, nº US-1567823), con un materiale che verrà adottato su larga scala solo in periodi molto successivi. Rispetto alle altre penne dello stesso periodo, prodotte in ebanite, questo consentiva una maggiore robustezza (l'ebanite è un materiale piuttosto fragile), una maggiore resistenza all'usura, e maggior spazio per il serbatoio essendo le pareti del corpo più sottili.

La scelta dell'ebanite era stata dettata, in tempi in cui il corpo della penna costituiva anche il serbatoio dell'inchiostro, dalla inerzia chimica di questo materiale che non subiva la corrosione. La Wahl-Eversharp approfittò della sua ritardata entrata sul mercato per ricorrere ad un materiale che solo il nuovo sistema di caricamento a levetta, che isola l'inchiostro dal corpo della penna, consentiva di usare.

Le Wahl Engine Turned sono tutte dotate di sistema di caricamento a levetta, la chiusura del cappuccio è a vite; in genere le penne hanno delle dimensioni compatte, e sono piuttosto sottili e corte, per questo potrebbero risultare leggermente scomode nell'uso, ma si allungano molto, ottenendo un buon bilanciamento, quando il cappuccio viene inserito sul fondo della penna.

Le Wahl Engine Turned sono penne di eccellente qualità costruttiva, purtroppo essendo realizzate in metallo è abbastanza comune trovare queste penne con fitte o ammaccature (anche se è molto difficile romperle). Un'altra caratteristica delle Wahl Engine Turned è quella di presentare, come sempre nella storia della ditta, dei pennini straordinariamente scorrevoli.

Materiali

Suffisso Significato
A 12k yellow gold filled (cataloghi del: 1919, 1921, 1922, 1924)
AG 14k green gold filled (cataloghi del: 1919, 1921, 1922, 1924)
B 14k solid yellow gold (cataloghi del: 1919, 1921, 1924)
BG 14k solid green gold (cataloghi del: 1919, 1921, 1922, 1924)
C sterling silver (cataloghi del: 1919, 1921, 1922, 1924)
D sterling filled (cataloghi del: 1922, 1924)
E 10k solid yellow gold (cataloghi del: 1924)
P 12k yellow gold filled over silver (cataloghi del: 1928)
X (affisso) gold on silver tinted (cataloghi del: 1928)

Le Wahl Engine Turned sono, a differenza delle altre penne di quell'epoca, realizzate quasi completamente in metallo. La sola parte non metallica è il blocco pennino, realizzato in ebanite nera (anche se esistono delle versioni in ebanite fiammata). In vari casi però è anch'esso completamente rivestito in metallo.

Le versioni di fascia bassa sono placcate in argento, (e riportano la marchiatura silver filled) o placcate in oro (e riportano la marchiatura gold filled); sono poi state prodotte versioni di maggior pregio realizzate completamente in argento (marchiate sterling), ed anche delle versioni di lusso in vermeil (argento con finiture placcate oro) alcune delle quali presentano delle bellissime lavorazioni in smalto (enameled), ed anche, ancora più rare, in oro massiccio. Sia per le laminature che per le varianti in oro massiccio, esistono due varianti di colore, indicate nei cataloghi come oro giallo ed oro verde.

Ciascun tipo di materiale veniva indicato nei codici usati dall'azienda per identificare univocamente il modello con un suffisso, i diversi valori noti, ricostruiti da quanto riportato nei cataloghi esaminati, ed usati anche per altri modelli come le Tempoint e le Wahl Mounted Pens sono stati riassunti nella tabella a fianco.

Sistema di riempimento

Le Wahl Engine Turned adottano tutte il classico sistema di riempimento a levetta. Queste utilizzano una barra di pressione agganciata sul fondo della penna ed una levetta corta con una serie di accorgimenti coperti da diversi brevetti (nº US-1490686, nº US-1446524, nº US-1562267, nº US-1567824, nº US-1574266, nº US-1585805, nº US-1586541, nº US-1624190, nº US-1624190). Le penne sono di dimensioni ridotte, ma essendo il corpo costituito da un cilindro metallico, questo poteva essere realizzato con uno spessore più sottile rispetto all'ebanite, consentendo, a parità di dimensioni, l'impiego di un sacchetto di dimensioni maggiori e di avere quindi più capienza di inchiostro.

Versioni

Le Wahl Engine Turned sono state prodotte in una grande quantità di versioni, con le decorazioni più diverse; i modelli comuni hanno conosciuto diversi tipi di incisione a macchina con decorazioni regolari più o meno complesse. A queste lavorazioni di base si aggiungono, per i modelli di lusso in argento, vermeil o oro, versioni con finiture incise a mano (in genere con motivi basati su foglie e fiori), o alcune lavorazioni meccaniche particolari, o smaltature colorate.

Prima versione
Prima versione
 
Seconda versione
Seconda versione

Le versioni degli anni 1921-1922 presentavano un bordo del cappuccio smussato, scomparso nelle versioni successive. Inoltre esistono due diverse versioni della levetta, la prima, risalente agli stessi anni iniziali (presente almeno, come si può notare in questa pubblicità, fino al 1924) presenta un corpo rialzato (una sorta di spina dorsale) mentre quelle più recenti presentano una levetta completamente piatta. Le due varianti di levetta sono illustrate nell'immagine a fianco.

Tutti i modelli presentano sul corpo della penna un apposito spazio lasciato liscio, la cosiddetta cartouche, per permettere l'incisione del nome del proprietario. E' comune trovare queste penne fregiate con incisioni di pregio realizzate da gioiellieri.

Le molteplicità delle finiture presenti per le Wahl Engine Turned dipende dai diversi pattern utilizzati nella incisione meccanica di corpo e pennino; le lavorazioni di cui si è riuscito a trovare traccia (fra cataloghi e pubblicità) sono riportate nella tabella seguente, ordinate usando il valore numerico usato come per indicare il motivo nei codici identificativi usati dall'azienda per le diverse varianti in cui sono state prodotte queste penne:

Nome Codice Esempio Descrizione
Plain 0 completamente liscio, nessuna decorazione.
Check o Chased 1
Check Pattern
serie di linee sottili longitudinali con motivo interno di sezioni lisce a "V", alternate a spazi lisci; chiamato Chased nel catalogo del 1922, identico all'Unique
Dart 2
Dart Pattern
serie di incisioni di linee continue longitudinali con variazioni angolate a formare disegni a forma di "V" ripetute ad ampi intervalli
Colonial 3
Colonial Pattern
serie di linee longitudinali diritte molto sottili ripetute in maniera continua senza intervalli lisci su tutto il diametro di corpo e cappuccio
Unique 4
Unique Pattern
identico al Check, compare con questo nome e codice solo nel catalogo del 1921
Checkerboard 4
Checkerboard Pattern
serie di brevi incisioni di piccoli quadrati di linee sottili alternate a spazi vuoti disposti lungo corpo e cappuccio a formare un disegno a scacchiera
Wave 5
Wave Pattern
gruppi di quattro linee longitudinali con due brevi ondulazioni ripetute ad intervalli più ampi fra due linee dritte, intervallate a spazi lisci
Ribbon 5 serie di incisioni longitudinali di gruppi di 4 linee dritte alternate a spazi vuoti lungo corpo e cappuccio
Grecian Border 6
Grecian Border Pattern
serie di incisioni di linee sottili lungo il corpo ed il cappuccio disposte a creare un disegno a forma di greca (brevetto nº US-D058693)
Zigzag 7
Zigzag Pattern
raggruppamento di quattro incisioni longitudinali di linee ondulate intervallate da una singola linea ondulata nella direzione opposta
Chancellor 8 sostanzialmente identico al Diamond ma con strisce vuote a separazione, (illustrato nel catalogo del 1924, solo per una miniature size 21)
Hand Engraved 8 incisione manuale a sbalzo con motivi di rami con foglie
Ripple 9
Ripple Pattern
serie di incisioni di linee continue longitudinali cui si sovrappone una ondulazione a zig-zag di punti vuoti
Hanlin 99 serie di linee longitudinali diritte intervallate da una banda cesellata longitudinale (brevetto nº US-D059052)
Diamond 98
Diamond Pattern
insieme di sottili linee longitudinali che si raggruppano ad intervalli regolari per formare una sorta di diamante (di 3x3 rombi piccoli) (vedi questa pubblicità)
Ring Colonial X71
Ring Colonial Pattern
serie di linee longitudinali affiancate come per il Colonial, interrotte da una tripla incisione ad anello smaltate, ripetuta ad ampi intervalli
Colonnade X73
Colonnade Pattern
serie di incisioni circolari lungo corpo e cappuccio intervallate da incisioni longitudinali di finestre smaltate
Console 15
Console Pattern
complessa decorazione a bande longitudinali composte da serie di elementi a forma di campana
Wedgewood 13
Wedgewood Pattern
simile al Ripple ma presente solo su piccole finestre rettangolari non placcate di una penna in vermeil
New Lakeside ??
New Lakeside Pattern
incisioni dritte e ondulate su metallo smaltato blu, vedi anche questa pubblicità
Niagara 14
Niagara Pattern
detto anche Brain per le somiglianza con le spirali del cervello, o Coral, lavorazione a rilivo con fondo brunito per le sezioni non placcate di una penna in vermeil


Come per tutti i modelli della Wahl anche le Engine Turned venivano identificate dall'azienza in maniera esatta solo ricorrendo un codice di modello che ne indicava le caratteristiche. Per i vari modelli le prime due cifre del codice indicano sempre le dimensioni della penna, la prima la lunghezza/grandezza della penna, la seconda la dimensione del pennino. A queste due cifre segue una terza cifra che indica il motivo decorativo, che si è riportata nella colonna codice della precedente tabella. A partire dal catalogo del 1922, sono presenti delle lettere di suffisso ulteriori che identificano le varianti del materiale con cui venivano realizzate, a cui si aggiunge la presenza di una "W" finale per distingure le varianti da signora con anellino da quelle ordinarie con la clip.

Pubblicità del 1924 per la nuova Wahl Metal Pen nel pattern Colonial

Nel catalogo del 1921 compaiono solo i motivi Colonial con codice 3, Unique con codice 4, Ribbon con codice 5, Zigzag con codice 7, Grecian Border con codice 6. Le misure elencate sono solo 65 (large size, 5 1/8" pennino #5), 54 (medium size 4 5/8", pennino #4) e 43 (small size 4 3/8", pennino #3). Non ci sono suffissi, tutti i codici elencati nel catalogo sono di tre cifre e tutte le penne presentate sono indicate come gold-filled in maniera generica. Non sono riportate stampigliature né sulla clip né sul bordo cappuccio.

Nel catalogo del 1922 ricompaiono i motivi Grecian Border, Colonial e Zigzag con gli stessi codici, mentre il precedente Unique viene denominato Chased ed associato al codice 1, inoltre compaiono i motivi Dart con codice 2 e Ripple con codice 9. Alle misure del catalogo del 1921 si aggiunge la 32 (piccola, pennino #2), mentre vengono usati i suffissi "A" (laminata oro giallo 12k), "AG" (laminata oro verde 14k), "C" (sterling silver), "D" (silver filled) e "W" (per le penne da signora con anellino sul cappuccio). La clip riporta la stampigliatura Wahl in verticale, ed è presente la stampigliatura sulla parte superiore liscia del cappuccio.

Nel catalogo del 1924 ricompaiono con gli stessi codici i motivi Grecian Border, Colonial, Dart, Ripple, Zigzag, ed Chased che però viene denominato Check, a cui si aggiungono Hand Engraved con codice 8, solo per le misure 54, 43 e 32 in oro giallo 14k (suffisso "B") e oro verde 14k (suffisso "BG") e Checkerboard con codice 4, nelle stesse precedenti misure ma in silver plated (suffisso "D"). Vengono inoltre illustrate le versioni miniature, con pennino #1 (misura 21) per i pattern Chancellor, Colonial, Checkerboard, Grecian Border dove per il Chancellor Pattern viene usato il codice 8, come per l'Hand Engraved.

Nello stesso catalogo del 1924 vengono proposte delle penne realizzate in oro massiccio a 14 carati (giallo con suffisso "B" e verde con suffisso "BG") con una numerazione che non corrisponde a nessuno schema tranne che per i suffissi (quelli citati più il "W" per le penne da signora), i relativi codici, senza suffisso, sono: per quelle nel Diamond Pattern 200M (pennino #2), 300M (pennino #3) 400M (pennino #4); per quelle nell'Hanlin Pattern 600M (pennino #2), 700M (pennino #3), 800M (pennino #5).

Nel catalogo del 1925 ricompaiono con gli stessi codici i motivi Grecian Border, Dart, Ripple, Colonial, Check, Hand Engraved, cui si aggiungono i motivi Diamond con codice 98, Hanlin con codice 98, e Wawe con codice 5, lo stesso del precedente Ribbon che non compare. Le dimensioni elencate sono: 32, 42, 54, 64, 21; non compaiono le precedenti 43 e 65.

Nel catalogo del 1928 compaiono con gli stessi codici i motivi Grecian Border e Hand Engraved a cui si aggiungono i motivi Wedgewood con codice 13, ed in vermeil con suffisso "P", Ring Colonial con affisso "X71" e Colonnade con affisso "X73", e due varianti di penne smaltate, denominate "Gold-on-Silver" con suffisso X e codice 18 e "Tinted Sterling Silver" con codice 19 (e suffisso "C" in quanto in argento; per ciascuna di queste varianti venivano usati gli ulteriori suffissi "G" per la smaltatura verde e "R" per la smaltatura rossa, ed omessa la "W" nonostante siano presentate con anellino.

Colori

I colori più comuni delle Wahl Engine Turned sono argento ed oro a seconda delle rifiniture (o del materiale della penna). Alcune versioni presentano una laccatura minimale (nera) di alcuni elementi del disegno inciso (come la Ringed Colonial) fino a versioni più lussuose (le cosiddette enamel), laccate in colore verde o rosso/arancione. La doratura e le versioni in oro vennero comunque prodotte in due colorazioni diverse (date dalla differente lega utilizzata), in oro giallo, caratterizzate dalla lettera "A" nel nome del modello, ed in oro verde, caratterizzate dalla sigla "AG".

Pennini

Le Wahl Engine Turned vengono fornite con cinque diverse misure di pennino, numerate progressivamente dal 2 al 6, benché quest'ultimo sia molto raro, viene citato in alcuni cataloghi, e montato solo sui modelli di massima dimensione.

A differenza di altre penne, non esiste una abbinazione precisa fra dimensione del pennino e dimensioni della penna, si trovano modelli di massima dimensione con pennino 2 o 3 così come modelli corti con pennino 4, anche se questa combinazione non è molto comune. In generale comunque la tendenza è quella che riporta pennini di dimensione maggiore sulle penne più grandi.

Dimensioni

Le dimensioni riportate di seguito sono approssimate, e sono state ricavate dalla misurazione di alcuni esemplari a cui si è potuto accedere direttamente, e dalle misure dichiarate dai venditori per esemplari visti in aste on-line.

Versione Lunghezza Larghezza/Descrizione
Mignon 3.25" con anello
Midget 4" con anello
Ladies 4" 1/4 con anello
Short 4" 1/4 con clip
Medium 4" 1/2 con clip
Long 4" 3/4 con clip
Oversize 5" con clip

Riepilogo delle informazioni disponibili

Si riportano di seguito tutte le informazioni raccolte in riferimento ai modelli trattati in questa pagina, a partire dai relativi dati di cronologia, i vari riferimenti attinenti gli stessi trovati sul web e le immagini pubblicate sul wiki (fotografie, scansioni di pubblicità, di foglietti di istruzioni e garanzia, di documenti correlati, ecc.) disponibili al riguardo.

Cronologia

Anno Avvenimento
1926 l'azienda introduce l'ebanite Rosewood (???)
1927 l'azienda introduce i modelli in celluloide nei colori Jade Green, Lapis Blue e Coral Red

Riferimenti esterni

  • [1] Articolo sulla produzione iniziale sul sito di Richard Binder
  • [2] Articolo sui pattern sul sito di David Nishimura
  • [3] Articolo sui pattern sul sito di Jim Mamoulides
  • [4] Articolo sui modelli sul sito di Jim Mamoulides
  • [5] Sezione sulla Eversharp dell'archivio della Pen Collectors of America
  • [6] Discussione su FPN
  • [7] Discussione su FPN
  • [8] Discussione su FPN
  • [9] Discussione su FPN

Note

  1. secondo quanto riportato da Jim Mamoulides in questo articolo.
  2. si fa riferimento al motivo che nel 1921 compare come Unique con codice 4 invece che 1, e che nel 1922 viene chiamato Chased e che viene mantenuto fino alla fine della produzione.
  3. il motivo appare per le Wahl Engine Turned la prima volta nel catalogo del 1922, Jim Mamoulides in questo articolo ne indica la terminazione nel 1927.
  4. il motivo appare per le Wahl Engine Turned la prima volta nel catalogo del 1921, Jim Mamoulides in questo articolo ne indica la terminazione nel 1927.
  5. il motivo appare con questo nome e codice 4 solo nel catalogo del 1921, in quello del 1922 viene indicato col codice 1 ed il nome Chased e nei successivi come Check
  6. il motivo appare per le Wahl Engine Turned la prima volta nel catalogo del 1924, Jim Mamoulides in questo articolo ne indica la terminazione nel 1926.
  7. il motivo appare solo nel catalogo del 1921.
  8. il motivo appare per le Wahl Engine Turned la prima volta nel catalogo del 1921, Jim Mamoulides in questo articolo ne indica la terminazione nel 1929.
  9. il motivo appare nel catalogo del 1921, Jim Mamoulides in questo articolo ne indica la terminazione nel 1924.
  10. il motivo appare solo nel catalogo del 1924.
  11. il motivo appare nel catalogo del 1924, in quello del 1925 ed in quello del 1928.
  12. il motivo appare per le Wahl Engine Turned la prima volta nel catalogo del 1922, Jim Mamoulides in questo articolo ne indica la terminazione nel 1925.
  13. il motivo appare per le Wahl Engine Turned la prima volta nel catalogo del 1924, Jim Mamoulides in questo articolo ne indica la terminazione nel 1926.
  14. il motivo appare per le Wahl Engine Turned la prima volta nel catalogo del 1924, Jim Mamoulides in questo articolo lo indica in produzione generica dal 1921 al 1924, ma per le Wahl Engine Turned compare anche nel catalogo del 1925.
  15. il motivo appare per le Wahl Engine Turned la prima volta nel catalogo del 1924, e si ripete nel 1925.

Materiale disponibile

Viene di seguito illustrato il materiale raccolto relativo a questo modello: le fotografie dello stesso, le pubblicità in cui compare o viene citato, le scansioni dei libretti di istruzione per il modello, ed tutte le altre scansioni contenenti informazioni ad esso attinenti.